Vorstellungen und Rezensionen

Hier werden einige Konzerte klassischer Musik, sowohl alte als aus romantische, moderne und zeitgenössische Musik, “music d'art”, präsentiert und rezensiert.

Die Beitrage werden von Lehrer*innen der Musikschule veröffentlicht, aber auch die Schüler*innen der Musikschule sind eingeladen, ihre Schriften vorzuschlagen. Die Beiträge sollen Mauro Franceschi, dem Herausgeber der Kolumne, an die folgende Adresse geschickt werden: Mauro.Franceschi@provincia.bz.it.
Die Haydn Stiftung und der Konzertverein Bozen werden den Schüler*innen, deren Beiträge veröffentlicht werden, einige Eintrittskarten anbieten.

21 e 22.01 - Trio Busch, ampliato a quartetto con Daniel Palmizio e a quintetto con Naomi Shaham, suona per Musik Meran e la Società dei Concerti di Bolzano.

In programma sono “Sonatensatz” e “Quintetto della trota” di Franz Schubert, di Antonin Dvorak il Quartetto n.2.

Trio Busch - foto di Kauop Kikkas (particolare)
Trio Busch - foto di Kauop Kikkas (particolare)

Il Trio Bush è stato fondato nel 2012 da Omri Epstein, pianista, con il violinista Mathieu van Bellen ed il fratello Ori al violoncello, durante la loro formazione al Royal College of Music di Londra. Nel 2016 il Trio, residente ad Amsterdam, ha ricevuto il Kersjes Prize, il più significativo riconoscimento per i musicisti in Olanda.

Il Trio Busch sarò ospite di Musik Meran e inaugurerà la stagione 2022 della Società dei Concerti di Bolzano. I musicisti hanno predisposto un programma dedicato a musiche di Schubert e Dvorak. A questi due autori il Trio Busch ha dedicato l’ intera discografia, edita da Alpha Classic.

A Merano e Bolzano interpreteranno “Sonatensatz” di Franz Schubert, il Quartetto n.2 di Antonin Dvorak con Daniel Palmizio alla viola, e con Naomi Shaham il schubertiano “Quintetto della trota”.

Il Quintetto "della trota" si articola in cinque movimenti, e deve il suo nome al fatto che il compositore utilizzò nell'Andantino il suo Lied "La trota" quale tema per una serie di variazioni. Fu composto nel 1819 su commissione del mecenate Silvester Paumgartner, musicista dilettante e violoncellista, di professione direttore della miniera di Steyr, nell'Alta Austria. Probabilmente il Quintetto ebbe la sua prima esecuzione durante uno degli incontri musicali a casa Paumgartner, e poi riposto nella biblioteca del mecenate. Fu pubblicato postumo da Joseph Czerny come opera 114 ad un anno di distanza dalla morte del musicista.

21.01 ore 20.00
MUSIK MERAN
Merano, Kursaal - www.musikmeran.it/

22.01 ore 18.00
STAGIONE DELLA SOCIETÀ DEI CONCERTI
Bolzano, Conservatorio – konzertverein.org/

L’accesso ai concerti è possibile secondo le vigenti normative antiCOVID.