Vorstellungen und Rezensionen

Hier werden einige Konzerte klassischer Musik, sowohl alte als aus romantische, moderne und zeitgenössische Musik, “music d'art”, präsentiert und rezensiert.

Die Beitrage werden von Lehrer*innen der Musikschule veröffentlicht, aber auch die Schüler*innen der Musikschule sind eingeladen, ihre Schriften vorzuschlagen. Die Beiträge sollen Mauro Franceschi, dem Herausgeber der Kolumne, an die folgende Adresse geschickt werden: Mauro.Franceschi@provincia.bz.it.
Die Haydn Stiftung und der Konzertverein Bozen werden den Schüler*innen, deren Beiträge veröffentlicht werden, einige Eintrittskarten anbieten.

01.06 Song Suite di Kurt Weil / Songplay di Olga Neuwirth

La Fondazione Haydn inaugura OPER.A “Once upon a time”. Una bella occasione per riscoprire un autore significativo del Novecento e per fare conoscenza con una voce importante del nostro tempo.

Olga Neuwirth - foto di Harald Hoffmann (particolare)
Olga Neuwirth - foto di Harald Hoffmann (particolare)

Olga Neuwirth è una tra le voci più innovative e affascinanti del panorama musicale internazionale. Classe 1968, è nata a Graz. Nel 2002 è stata nominata “Composer in residence” anche al Festival di Lucerna, insieme a Pierre Boulez. Nel 2008 ha ricevuto il premio Heidelberger Künstlerinnenpreis, nel 2010 il Großer Österreichischer Staatspreis, nel 2020 il Robert Schumann Prize for Poetry and Music, quest’anno il Premio Wolf per le arti.

Il suo “Hommage à Klaus Nomi – Ein Songplay” sarà eseguito in prima italiana. Klaus Nomi è stato un vocalista famoso nella New York degli anni Settanta per il suo repertorio che spaziava tra generi differenti, scomparso nel 1983. Recentemente la musica di Olga Neuwirth ha avuto per interpreti anche il Trio Boulanger, Ensemble Intercontemporain, Ensemble Modern, New Word Symphony.

Nella stessa serata saranno eseguite musiche di Kurt Weill, compositore tedesco poi naturalizzato americano che ha composto per l’opera e il musical, il balletto e la musica da camera, la chansons e il jazz, e pure per film e produzioni radiofoniche. Celebre è la collaborazione di Weill con Bertold Brecht, che ebbe grande influenza sul teatro novecentesco. Dalla Germania Weill fu costretto a fuggire a causa della persecuzione nazista. Si rifugiò prima in Francia, e poi in Gran Bretagna.

Il concerto promosso dalla Fondazione Haydn è una rara e bella occasione per riscoprire un autore significativo del Novecento e per fare conoscenza con una voce importante del nostro tempo.


01.06 ore 20.00
Bolzano, Auditorium
Kurt Weill – Song Suite
Olga Neuwirth – Songplay
Orchestra Haydn
direttore Timothy Redmond
violino, Marco Mandolini
controtenore Andrew Watts


I biglietti si possono acquistare online o alla biglietteria del Teatro Comunale.
L’accesso al concerto sarà possibile solamente con la presentazione del Coronapass.
INFO: 0471 053800 – info@ticket.bz.it